Il centro storico

Sorgendo a pochi passi dai sontuosi e più antichi templi di Paestum, il centro storico di Capaccio capoluogo viene spesso trascurato da chi viene in vacanza a Capaccio Paestum. Eppure anche qui, tra palazzi, portali e vicoli antichi, è possibile trascorrere qualche ora alla riscoperta della storia di questo splendido territorio e soffermarsi ad ammirare dai giardini l’incantevole panorama sul golfo di Salerno con l’isola di Capri sullo sfondo.

La fondazione di “Capaccio Nuova”, come venne definita l’attuale Capaccio capoluogo, è successiva a quella di Caput Acquis, o Capaccio Vecchia e deriverebbe proprio dalla distruzione di Capaccio Vecchia da parte di Federico II di Svevia.

Nel centro storico, caratterizzato da vicoli, piazze e scorci che si affacciano su un suggestivo panorama, meritano una visita la Chiesa di San Pietro Apostolo, l’Ufficio Turistico Salone Rizzo e il convento di Sant’Antonio. E’ possibile, inoltre, vedere la Torre Orologio o Torre civica, quattrocentesca, che originariamente era il campanile della chiesa di San Pietro e che dopo un crollo fu trasferita dove si trova ora, e la fontana dei tre delfini, in stile barocco, costruita tra la fine del Seicento e l’inizio del Settecento. Inoltre, sebbene non sia visitabile internamente, è importante sottolineare che qui si trova la casa di Costabile Carducci, uno dei protagonisti dei moti cilentani del 1848.

torre orologio

Torre Orologio

fontana delfini

Fontana dei tre delfini